I comitati dell'ECHA hanno concluso sulla valutazione della proposta di restrizione del bisfenolo A (BPA)

07 Dicembre 2015
Il Comitato dell'ECHA per la valutazione socio-economica (SEAC) ha concluso che è improbabile che i benefici socio-economici atti a limitare il bisfenolo A (BPA) nella carta termica siano superiori ai costi socio-economici previsti. Il comitato per la valutazione dei rischi (RAC) inoltre aveva precedentemente concluso che il rischio per i lavoratori che manipolano la carta termica non è stato adeguatamente controllato.

Nel maggio del 2014, le autorità francesi avevano presentato una proposta di limitare il BPA a causa dei rischi per la salute per le lavoratrici gestanti e per i consumatori esposti ad esso nella carta termica - per esempio nel manipolare le ricevute del registratore di cassa. La popolazione identificata come a rischio sono i bambini non ancora nati, che sono esposti nell'utero.
Il RAC risulta d’accordo con la proposta francese che il BPA può avere effetti sulle ghiandole mammarie, nonché sulla riproduzione, sul metabolismo e sul sistema neuro-comportamentale. Inoltre, e in linea con il parere dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), il RAC ha anche considerato gli effetti sul sistema immunitario.
Nel mese di settembre 2015, il RAC ha concluso che il rischio per i bambini non ancora nati di sesso femminile, ad esempio per le lavoratrici cassiere nella gestione della carta termica, non sono adeguatamente controllati. Tuttavia, il Comitato non ha identificato un rischio per i consumatori nella manipolazione delle ricevute.
Nel suo parere del 3 dicembre 2015, Il SEAC ha concluso che una parte relativamente piccola della popolazione con basso reddito sono a rischio, considerando che i costi della restrizione sarebbero ripartiti tra tutti i consumatori dell'Unione Europea. Traducendo i costi di una restrizione in un aumento dei prezzi, il carico per lavoratore europeo ammonterebbe ad un incremento di soli 0,20€ - 0,60€ per rispettivo lavoratore all'anno. Questo aspetto è stato considerato sostenibile da parte del SEAC.
L’ECHA invierà i pareri del RAC e del SEAC alla Commissione europea. La Commissione dovrà decidere se aggiungere il BPA all'elenco delle restrizioni (Allegato XVII del regolamento REACH). Il Comitato REACH - composto dagli Stati membri - assisterà la Commissione nella presente decisione
.

Mauro Mazzella

<< Indietro Archivio News
Sei nella pagina: News I comitati dell'ECHA hanno concluso sulla valutazione della proposta di restrizione del bisfenolo A (BPA)